LA MILANO-TARANTO DI MATTHIAS HILLECKE

„It’s Wonderful, it’s wonderful… it’s unbelievable!“ – a 2023 Milano Taranto participant sums up during a short video on the official MiTa-website, and there is nothing to add. Another quote that describes my personal main conclusion after enjoying this also for me unbelievable event comes from Rudyard Kipling: “If you can meet with triumph and disaster and treat those two imposters just the same…” – during my own experiences riding a classic single cylinder Moto Guzzi at Milano Taranto, I had the chance to enjoy lots of personal highlights as well as the challenge to experience my own limits – but more about that later. 

First of all, let’s return to my point of departure in Stuttgart, Germany: after finishing my bike preparations I started on Saturday, 1st of July 2023, early in the morning and drove via Switzerland towards Italy by car and trailer. Inside the trailer my 1955 Moto Guzzi Airone 250 Turismo, a beautifully restored motorcycle that I acquired a few years ago at Moto Stefano in Balingen, southern Germany. Already my arrival journey by car across the Alps via Passo dello Spluga was breathtaking, magnificent mountainscapes and mazes of turns just like in a picture book. My obvious rest stop after arriving in Italy was the Moto Guzzi Museum in Mandello del Lario – so great to see this rich collection of over 150 exhibition pieces of production motorcycles, sport bikes, prototypes, and experimental engines. A museum guide kindly gave me a separate tour and showed me a lot of technical features belonging to the Moto Guzzi history. The perfect end to a great day of travelling was my stay in the hotel ‘Il Corazziere’ in Baggero/Merone – time to relax before the adventure starts.

The following Sunday Milano Taranto 2023 began, for me the very first time. Shortly after the arrival at Parco Esposizioni Novegro near Milan the special spirit and positive atmosphere of this amazing event was appreciable: everyone helps everyone. Already during the registration phase and vehicle inspections I experienced much helpfulness and personal commitment among the participants as well as the MiTa organization team. Especially for non-Italian speaking riders like me our interpreter Veronica of the MiTa team became my central contact person for questions as well as minor and major problems. And the most beautiful aspect of the first day – you meet interesting people from all over the world and you make new friends. To name but a few: Peter (No. 135) from Zürich/Switzerland and his superb Zündapp KS 601, Niels (No. 103) from Karlsruhe/Germany with his perfect two-stroke PUCH 250 SGS, Al (No. 80) on MV Agusta CS 175 from Huntington Beach/California USA, Lászlo (No. 87) and Miklos (No. A14), both from Hungary on Ducati TS 175 and Honda VFR800, Rüdiger (No. 71) from Dettingen/Germany on his MV Agusta 175 CSS Disco Volante, Marcel (No. 134) from Friedrichshafen/Germany on Moto Guzzi Super Alce 500, Joachim (No. A19) with his Moto Guzzi V7 700 (bored out 1000cc version) from Billigheim/Germany, Peter (No. 106) from Newport/Australia, like me on a Moto Guzzi Airone 250, Graeme (No. A15) also from Australia and his Moto Guzzi California EV 1100cc, and many more. We all as MiTa riders got to know each other very quickly and developed a great camaraderie, based on our enthusiasm for classic motorcycles and thirst for adventures to come.

My personal opening two stages at night did not proceed that smoothly. To call it a disaster would be a little exaggerated, but somehow my physical and emotional condition was pushed to the limits. Already during stage one towards Crema together with Peter (No. 106) and Niels (No. 103) we got lost a few times and we had difficulties to find the official route. To start Milano Taranto without any technical navigation support will maybe enthrall some purists, but in my case, this was just plain stupid. A map in your backpack is of only limited assistance, especially at dark night if you do not have a pocket torch with you. Somehow, we reached Crema, but seriously delayed. As a result of this delay, my stay at Crema went short, chaotic, and not without consequences for bike and rider. At first, I thought that I could enjoy an Italian coffee and have a break, but then the situation quickly became hectic. Loud calls on my way from the bike towards the coffee stand: “No. 105, departure time, come back, you have to start again, go, go, go…!” Now it became chaotic – in no time at all back to my Guzzi, quick starting the bike with the kick starter, engine joyfully revving to the max. Unfortunately, I missed the fact that the gearbox was still in first or second gear. So immediately pushing the bike from its center stand was a not so good idea. My Airone accelerated like crazy and shot away, unfortunately without the rider, tipped over to the right side and finally stroke to the Italian ground. Fortunately, no one stood near, so no one was injured. I was both embarrassed and boiling with anger because of my own fault. 

But to be honest the situation changed completely within seconds. First thought on my side: MiTa2023 is finished already before the second night stage – but then I experienced my, I call it afterwards, “Lewis Hamilton moment”, because within a few seconds, like in a F1 pit stop, about 10-12 people helped me unrequested with a passion and enthusiasm I never really expected. The bike was raised up by some of the participants and spectators, several people helped me sitting back on the bike, immediately the support started on all levels: down to the bottom around engine and gearbox the search for possible damages at the shift linkages and the clutch started. Equipped with professional flashlights and tools here obviously mechanics were in operation, who fortunately were familiar with my Moto Guzzi Airone. After some back and forth the engine was running again. My initial problems with the clutch and gearbox were solved, too. It became quite clear in this situation that within the MiTa team pros were at work. Also, the psychological factor was not forgotten: a responsible member of the organization team looked me in the eyes and said to me calmly with a strong Italian accent: “Relax” and again even more calmly “Please, relax, ok?” Somehow, he must have been aware that because of my emotional excitement and nervousness my clear-thinking and acting was considerably limited. His instructions combined with the mechanic experts at the bottom of my Guzzi made me and the machine running again in no time at all. You got to hand it to the MiTa team: they know how to focus on solutions and how problems are dealt with, even problems with slightly overstrained new participants from Germany – Italians, they know how to do it!

The second stage didn’t go well for me either. Again, very shortly after Crema, Peter (No. 106) and I got lost again. This time, however, our riding away from the official main route was more intensive. Instead of using the mobile phone and Google Maps, I generated the questionable idea of finding our way back by using the paper map out of my backpack. Again, a not so good idea. Also, our decision to ride more intuitive directions was – retrospectively – stupid. But we learn from our mistakes. Consequently, Peter and I, we found ourselves roughly estimated 25-30 km out of the official MiTa-route. Time to stop again, thinking, discussing alternative routes – then suddenly, out of nothing, a MiTa support vehicle stopped directly beside us. We could not believe our luck, sometimes miracles happen. Inside the car: Donato Di Dio, in his role as “Assistenza Piloti”, accompanied by a female co-driver. These two were our salvation. A short call by mobile phone with interpreter Veronica to translate our situation and our wish to join the MiTa peloton again, a brief Italian discussion inside the car whether to drive to the hotel – it was, after all, about 2:30am at night – or guide these two lost amateurs back to the main route, then finally and fortunately the second option was chosen in our favour. What came up after that was a hell of a ride because Donato was understandably a little bit in a hurry. Our Assistenza Piloti gave full throttle. It was not easy for us to follow the pace car, our two Moto Guzzi Airones had to give all they had. Unfortunately, during that ride back to the main route Peter got lost somewhere behind Donato and me, so after our return at the next brief stopover I had to continue without Peter’s guidance and support. Instead of him Niels (No. 103) and his two-stroke PUCH 250 SGS became my loyal and steady MiTa companion during the entire period of the event until our united passing of the finish line in Taranto.

The rest of our night ride during the first leg went quite smoothly for Niels and me. A particularly magnificent moment was after many hours of riding at night to experience the Italian sunrise on an old Moto Guzzi during the early-morning hours, together with other bike enthusiasts from all over the world. However, before reaching our first target place in Maranello we had to continue our ride on Monday morning for many hours to go. Somehow during this part of the very long first stage our time of adaptation was in a great extend completed – for us it became increasingly easier to find the red MiTa arrows on the traffic signs (in many cases placed in their surroundings) guiding our way through Italy. Whilst it is always hazardous to count one’s chickens before they are hatched – after reaching Maranello the next big challenge waited for us: finding our hotel in Bologna was not that easy! The route from Maranello to Bologna was not so difficult to be found. But in greater Bologna things became a little bit complicated. Initially Niels and I searched for our hotel together with 4-5 other participants, the problem was that all navigation systems routed us via expressways and motorways, interestingly all times in circles around. Also, the strategy change to slap through on our own was not met with great success – Niels and I got lost in Bologna. What made us stronger was the fact that we were not alone. On the other side of the roads, we regularly recognized other MiTa companions, recognizably also on active hotel search. Again, calling telephone joker Veronica, telling her MiTa23 is easy but finding the hotel in Bologna is not so easy… somehow finally Niels and I managed to reach our destination – a remarkable first day came to an end and was crowned with a great dinner joined by all MiTa combatants as well as the whole organization team.

Between days one and two a navigation system for my Airone had to be retrofitted. With the help of Peter’s (No. 135) Swiss toolbox and Mario, our official “Assistenza Meccanica”, the hardcase of my mobile phone was converted into a mounting kit on the handlebar of my Guzzi. Two cable strips and four drill holes bored by Mario into the iPhone hardcase served the purpose wonderful – an extra battery fixed by duct tape at the Guzzi handlebar took subsequently care of the power supply of my new navigation system. Sometimes simple solutions do a great job. The official MiTa navigation mobile App was installed with the kindly help of Veronica and the Sabatini family – so from the second day on my navigation problems reduced significantly. As mentioned before: at MiTa everyone helps everyone! At the start of the second leg fortunately Peter (No. 106) from Australia and his lovely Moto Guzzi 250 Airone were back again. However, my great joy about his return was only for a short period because during the second leg he unfortunately suffered a rather nasty motorcycle crash somewhere behind Niels and me, so Peter had to give up finally. 

Fortune and misfortune are sometimes very close to each other. Some participants in my own environment had technical problems with their bikes: for example, Rüdiger’s beautiful MV Agusta 175 CSS Disco Volante (No. 71) suffered clutch actuation problems. In the middle of the night between race day two and three, we tried to repair the clutch, but didn’t succeed. Also, Marcel (No. 134) on his great Moto Guzzi Super Alce had been forced to stop, because his engine refused to work at one certain point. What makes Milano Taranto so special is that those who had been forced to retire nonetheless can simply carry on during the further course of the event, either by using own escort vehicles or those of other participants. After they had left the event as riders, Rüdiger and Marcel helped quite a lot and provided advice and assistance at almost every intermediate stop, quite helpful for me and my Guzzi, because the oil tightness of the external oil circuit caused a few headaches. Furthermore, I have received generous help from the support team of László (No. 87) – Ducati TS 175cc – and Miklos (No. A14) – Honda VFR800 Vtec –. Their special escort vehicle, a great BMW GS with fully equipped toolbox and competent and qualified mechanics from Hungary. Thanks to the cooperativeness among each other, many problems which seemed to be unsolvable could be fixed pragmatically.

Two of my personal MiTa2023 heroes came from California: Al (No. 80) und Barry (No. 79), both on MV Agusta, showed us how to tackle a matter laid-back and in style, riding Italian motorcycle royalty with the American way of life. Together with Al I had many interesting talks about motorcycling, racing car and bike topics and life in general throughout the entire event. At the beginning of the race in Milano, Al unfortunately crashed during the start procedure trying to push-start his MV Agusta engine. A bad lower leg injury was the consequence. But Al didn’t give up and remained remarkable unimpressed, until the finish in Taranto. Also impressive: Enrico (No. 97), our pacemaker within the 250cc class, former Italian motorcycle champion and his heavy tuned Moto Guzzi Airone. This racing bike had quite a lot of horsepower and compression – if one was lucky enough to be placed behind him within the starting grid, then one was able to blow-dry the hair even 10 meters behind him. Just amazing!

Another highlight of the Mita event was riding behind the Moto Guzzi V7 special 750cc with sidecar of Silvana and Fulvio (No. A1). The two usually went pretty fast, it was difficult for me to follow. On one section of the route my Airone was able to keep the pace and I will for sure never in my life forget this wonderful ride together with this lovely white motorcycle plus sidecar outfit. This full-throttle ride was a tremendous experience. Similarly impressive were my rides on the mountains of Abruzzo together with Niels, accompanied by Maria (No. 111), on her beautiful Aermacchi Ala Verde 250cc, and Arnold, on his fantastic MV Agusta 250 Raid, both also from Germany. Like mountaineers reaching for the summit, our bikes climbed uphill like mountain goats. Not less impressive and beautiful were our long downhill rides, hereby our front- and rear-wheel brakes were used intensively.

Then suddenly on our arrival at a street cafe in the mountains a first technical problem occurred with my Moto Guzzi. Niels was the first who spotted my issue: heavy oil loss in the Guzzi engine compartment. Motor, transmission, even the rear wheel and my shoes were already widely oiled. First thought on my side: game over! Again, first thought is not always right. Keep in mind the instructions from my personal psychological MiTa assistant in Crema: Matthias, relax, keep calm, try to do it the Italian way! So, engine stopped, we first ordered a café, then time for inspection, troubleshooting and problem treatment. At this moment another MiTa hero took the stage: Nicola (No. 143), Moto Guzzi Falcone rider and inside the café by accident, looked smilingly and knowledgeable over my shoulder, the right sized spanner already in his hand. One or two strong hand movements along the roadside and my problem was fixed. A nut at my oil tank had loosened due to the vibrations of the engine. Nicola, apparently, knew about the problem and how to solve it. As already mentioned, Germans can learn a lot from Italians, especially on how to do things in style and with “Sprezzatura”. What may have thought the owner of the Italian street café in the detection of my oil spill in front of his business? We draw a veil of silence over this matter!

Further during our trip Nicola and I met regularly, because after the intermediate stops he, as No. 143, started usually – being No. 105 – behind me and his Moto Guzzi Falcone does have more power and torque (500cc) compared to my Moto Guzzi Airone (250cc). During his continuous overtaking manoeuvres Nicola always greeted me with his right leg. MiTa creates friendships between full of character Italian and sometimes slightly overstrained German Guzzi riders!

Because of the rather low engine power of my Airone and my defensive riding style the regular intermediate stops had been quite short usually. Nevertheless, it was possible for me to collect innumerable impressions and images about Italian food culture, historic buildings, and attractions, and of course about Italy in general with its mild – sometimes quite hot – climate and the special zest for life of its inhabitants. Our route from Milano to Maranello, via Pontedera, Assisi, Cassino, and San Giovanni Rotondo leaded us, after one week of permanent riding, finally to Taranto. More than 1750km were completed successfully, what a magnificent experience this 2023 MiTa event was for every participant, simply great! 

Being an England enthusiast also I would like to finally mention two British characters participating MiTa 2023: First of all, David (No. 31) and his Innocenti Lambretta LD150, joined by his always in good mood Lambretta Club Members from UK. I have taken due note of what they said: “Please don’t mention us Scooter Club – Lambretta is culture, is life, is everything!” The second British icon: the amazing Norton Dominator 99 ridden by Rolf (No.131). A cylinder capacity exceeding 600cc simply pushes quite well, by the way Rolf in accordance with his British thumper gave me a few good tips how to spot the famous red MiTa arrows, even the slightly hidden ones. During our rides together he probably rode his Norton in idlerunning, I had to give full throttle.

During my final stage towards Taranto, I forged a plan: if the 1955 Moto Guzzi Airone Turismo keeps on going till the finish line, then I would like to thank the actual Moto Guzzi team in Mandello del Lario on behalf by ordering a new 2023 Moto Guzzi V7 850 Stone. Well, what should I say – the old Guzzi delivered, now a new Guzzi completes my vehicle fleet in the private garage.

Reaching the finish line in Taranto was an indescribable feeling, my old Guzzi did a real masterpiece. I was really overwhelmed with emotions and totally happy, this also applies to the common final celebration and dinner at our hotel in Taranto. What a great experience this was. To repeat and complete the quote from the beginning: „It’s Wonderful, it’s wonderful… it’s unbelievable! We like it, and we will come back, for sure!” Nothing to add.

The return transport of my bike back to Milano was organized by MiTa Gilera Saturno 500cc rider Claudio (No. 137) and his transportation company, like for nearly all participants. Together with Peter from Switzerland I flew back from Bari to Milano, then again, the final route from Milano to Stuttgart took place by car and trailer – a remarkable journey had come to an end.

(Google translate)

“È meraviglioso, è meraviglioso… è incredibile!” – riassume un partecipante di Milano Taranto 2023 in un breve video sul sito ufficiale MiTa , e non c’è niente da aggiungere. Un’altra citazione che descrive la mia conclusione personale dopo aver goduto di questo evento incredibile, anche per me, viene da Rudyard Kipling: “Se riesci ad affrontare il trionfo e il disastro e trattare questi due impostori allo stesso modo…” – durante le mie esperienze personali alla guida di un classico monocilindrico Moto Guzzi a Milano Taranto, ho avuto la possibilità di godere di molti momenti salienti personali e della sfida di sperimentare i miei limiti – ma di questo parleremo più avanti.

Prima di tutto , torniamo al mio punto di partenza a Stoccarda, in Germania: dopo aver terminato la preparazione della moto sono partito sabato 1 luglio 2023, la mattina presto e ho guidato attraverso la Svizzera verso l’Italia in auto e rimorchio. All’interno del trailer la mia Moto Guzzi del 1955 Airone 250 Turismo, una moto splendidamente restaurata che ho acquistato qualche anno fa da Moto Stefano a Balingen , nel sud della Germania. Già il mio viaggio di arrivo in macchina attraverso le Alpi via Passo dello Lo Spluga era mozzafiato, paesaggi montani magnifici e labirinti di curve proprio come in un libro illustrato. La mia tappa obbligata dopo l’arrivo in Italia è stata il Museo Moto Guzzi a Mandello del Lario: è fantastico vedere questa ricca collezione di oltre 150 pezzi espositivi di motociclette di serie, moto sportive, prototipi e motori sperimentali. Una guida del museo mi ha gentilmente fatto fare un tour a parte e mi ha mostrato molte caratteristiche tecniche appartenenti alla storia della Moto Guzzi . La conclusione perfetta di una fantastica giornata di viaggio è stata il mio soggiorno all’hotel “Il Corazziere ” a Baggero / Merone : tempo di relax prima dell’inizio dell’avventura.

La domenica successiva iniziò, per me la prima volta in assoluto, Milano Taranto 2023. Poco dopo l’arrivo al Parco Esposizioni A Novegro vicino Milano è stato apprezzabile lo spirito speciale e l’atmosfera positiva di questo straordinario evento: tutti aiutano tutti. Già durante la fase di registrazione e di revisione dei veicoli ho riscontrato molta disponibilità e impegno personale da parte dei partecipanti e del team organizzativo di MiTa . Soprattutto per i ciclisti che non parlano italiano come me, la nostra interprete Veronica del team MiTa è diventata il mio punto di contatto centrale per domande e problemi piccoli e grandi. E la cosa più bella del primo giorno è che incontri persone interessanti da tutto il mondo e fai nuove amicizie. Per citarne solo alcuni: Peter (n. 135) di Zurigo/Svizzera e il suo superbo Zündapp KS 601, Niels (n. 103) di Karlsruhe/Germania con il suo perfetto PUCH 250 SGS a due tempi, Al (n. 80) su MV Agusta CS 175 da Huntington Beach/California USA, Lászlo (No. 87) e Miklos (No. A14), entrambi dall’Ungheria su Ducati TS 175 e Honda VFR800, Rüdiger (No. 71) da Dettingen /Germania sulla sua MV Agusta 175 CSS Disco Volante, Marcel (n. 134) di Friedrichshafen/Germania su Moto Guzzi Super Alce 500, Joachim (n. A19) con la sua Moto Guzzi V7 700 (versione 1000cc annoiata) di Billigheim /Germania, Peter (n. 106 ) da Newport/Australia, come me su una Moto Guzzi Airone 250, Graeme (n. A15) anche lui dall’Australia e la sua Moto Guzzi California EV 1100cc, e molti altri. Tutti noi, come piloti MiTa , ci siamo conosciuti molto rapidamente e abbiamo sviluppato un grande cameratismo, basato sul nostro entusiasmo per le motociclette classiche e sulla sete di avventure a venire.

La mia personale apertura delle due tappe notturne non è andata così bene. Definirlo un disastro sarebbe un po’ esagerato, ma in qualche modo la mia condizione fisica ed emotiva era spinta al limite. Già durante la prima tappa verso Crema insieme a Peter (n. 106) e Niels (n. 103) ci siamo persi alcune volte e abbiamo avuto difficoltà a trovare il percorso ufficiale. Avviare Milano Taranto senza alcun supporto tecnico di navigazione forse affascinerà alcuni puristi, ma nel mio caso è stato semplicemente stupido. Una mappa nello zaino è di scarso aiuto, soprattutto di notte, se non hai una torcia tascabile con te. In qualche modo siamo arrivati a Crema, ma con grave ritardo. A causa di questo ritardo, la mia permanenza a Crema è stata breve, caotica e non priva di conseguenze per moto e pilota. All’inizio pensavo che avrei potuto godermi un caffè italiano e fare una pausa, ma poi la situazione è diventata rapidamente frenetica. Chiamate forti mentre mi dirigevo dalla bicicletta verso il chiosco del caffè: “No. 105, ora di partenza, torna, devi ricominciare, vai, vai, vai…!” Adesso è diventato caotico: in un batter d’occhio sono tornato alla mia Guzzi , ho avviato velocemente la moto con il pedale di avviamento, il motore che girava allegramente al massimo. Purtroppo mi è sfuggito il fatto che il cambio fosse ancora in prima o seconda marcia. Quindi spingere immediatamente la moto dal cavalletto centrale non è stata una buona idea. Il mio Airone ha accelerato come un matto ed è scappato, purtroppo senza il pilota, si è ribaltato sul lato destro ed è infine caduto al suolo italiano. Per fortuna nessuno si è fermato nelle vicinanze, quindi nessuno è rimasto ferito. Ero imbarazzato e ribollevo di rabbia a causa della mia colpa.

Ma a dire il vero la situazione è cambiata completamente in pochi secondi. Primo pensiero da parte mia: MiTa2023 è finito già prima della seconda tappa notturna – ma poi ho sperimentato il mio, come lo chiamo in seguito, “momento Lewis Hamilton”, perché in pochi secondi, come in un pit stop di F1, circa 10-12 le persone mi hanno aiutato senza che fosse richiesto, con una passione e un entusiasmo che non mi sarei mai aspettato. La moto è stata sollevata da alcuni partecipanti e spettatori, diverse persone mi hanno aiutato a rimettermi in sella, subito è iniziato il supporto a tutti i livelli: fino al basso intorno al motore e al cambio, alla ricerca di possibili danni ai tiranti del cambio e alla la frizione è partita. Attrezzati con torce e attrezzi professionali qui ovviamente erano all’opera i meccanici, che fortunatamente conoscevano la mia Moto Guzzi Airone . Dopo un po’ di avanti e indietro il motore tornò a funzionare. Anche i miei problemi iniziali con la frizione e il cambio sono stati risolti. In questa situazione è diventato chiaro che all’interno del team MiTa erano al lavoro dei professionisti. Inoltre non è stato dimenticato il fattore psicologico: un responsabile dell’organizzazione mi ha guardato negli occhi e mi ha detto con calma e con un forte accento italiano: “Rilassati” e ancora con più calma “Per favore, rilassati, ok?” In qualche modo, doveva essere consapevole che, a causa della mia eccitazione emotiva e del mio nervosismo, la mia lucidità di pensiero e la mia capacità di agire erano considerevolmente limitate. Le sue istruzioni combinate con gli esperti meccanici a bordo della mia Guzzi hanno fatto ripartire me e la macchina in un batter d’occhio. Bisogna riconoscerlo al team MiTa : sanno come concentrarsi sulle soluzioni e come vengono affrontati i problemi, anche i problemi con i nuovi partecipanti dalla Germania un po’ sovraccarichi – Italiani, sanno come farlo!

Anche la seconda fase non è andata bene per me. Ancora una volta, subito dopo Crema, Peter (n. 106) ed io ci siamo persi di nuovo. Questa volta, tuttavia, il nostro allontanamento dal percorso principale ufficiale è stato più intenso. Invece di usare il cellulare e Google Maps, mi è venuta la discutibile idea di ritrovare la via del ritorno utilizzando la mappa cartacea che ho nello zaino. Ancora una volta, un’idea non così buona. Inoltre, la nostra decisione di seguire direzioni più intuitive è stata – retrospettivamente – stupida. Ma impariamo dai nostri errori. Di conseguenza, io e Peter ci siamo trovati a circa 25-30 km fuori dal percorso ufficiale MiTa . È ora di fermarsi di nuovo, pensare, discutere percorsi alternativi – poi all’improvviso, dal nulla, un veicolo di supporto MiTa si è fermato proprio accanto a noi. Non potevamo credere alla nostra fortuna, a volte accadono i miracoli. All’interno dell’auto: Donato Di Dio , nel suo ruolo di “ Assistenza Piloti ”, accompagnato da una copilota donna. Questi due sono stati la nostra salvezza. Una breve chiamata al cellulare con l’interprete Veronica per tradurre la nostra situazione e il nostro desiderio di unirci nuovamente al gruppo MiTa , una breve discussione in italiano sull’opportunità di raggiungere l’hotel – dopotutto erano circa le 2:30 di notte – o riportare questi due dilettanti perduti sulla strada principale, poi finalmente e fortunatamente è stata scelta a nostro favore la seconda opzione . Quello che è successo dopo è stata una cavalcata pazzesca perché Donato era comprensibilmente un po’ di fretta. La nostra Assistenza Piloti diede il massimo. Non è stato facile per noi seguire la pace car, le nostre due Moto Guzzi Gli Airones hanno dovuto dare tutto quello che avevano. Sfortunatamente, durante il viaggio di ritorno verso la strada principale, Peter si è perso da qualche parte dietro me e Donato, quindi dopo il nostro ritorno alla breve sosta successiva ho dovuto continuare senza la guida e il supporto di Peter. Al posto suo Niels (n. 103) e la sua PUCH 250 SGS a due tempi sono diventati il mio fedele e costante compagno MiTa durante tutto il periodo dell’evento fino al nostro passaggio unito al traguardo di Taranto.

Il resto del nostro viaggio notturno durante la prima tappa è andato abbastanza liscio per me e Niels. Un momento particolarmente magnifico è stato, dopo molte ore di guida notturna, ammirare l’alba italiana su una vecchia Moto Guzzi nelle prime ore del mattino, insieme ad altri appassionati di moto provenienti da tutto il mondo. Tuttavia, prima di raggiungere il nostro primo obiettivo a Maranello, abbiamo dovuto continuare il nostro giro lunedì mattina per molte ore. In qualche modo durante questa parte della lunghissima prima fase il nostro tempo di adattamento è stato in gran parte completato – per noi è diventato sempre più facile trovare le frecce rosse MiTa sui segnali stradali (in molti casi posizionati nelle loro vicinanze) che ci guidavano attraverso Italia. Sebbene sia sempre pericoloso contare le proprie galline prima che si schiudano, una volta arrivati a Maranello ci aspettava un’altra grande sfida: trovare il nostro hotel a Bologna non è stato così facile! La tratta da Maranello a Bologna non è stata così difficile da trovare. Ma nella grande Bologna le cose si sono un po’ complicate. Inizialmente io e Niels abbiamo cercato il nostro hotel insieme ad altri 4-5 partecipanti, il problema era che tutti i sistemi di navigazione ci indirizzavano attraverso superstrade e autostrade, curiosamente sempre in tondo. Inoltre, il cambio di strategia per affrontare da soli non è stato accolto con grande successo: Niels e io ci siamo persi a Bologna. Ciò che ci ha reso più forti è stato il fatto che non eravamo soli. Dall’altra parte della strada abbiamo regolarmente riconosciuto altri compagni MiTa , riconoscibili anche nella ricerca attiva degli hotel. Ancora una volta, chiamando al telefono Veronica, dicendole che MiTa23 è facile ma trovare l’hotel a Bologna non è così facile… in qualche modo finalmente io e Niels siamo riusciti a raggiungere la nostra destinazione – un primo giorno straordinario si è concluso ed è stato coronato da un’ottima cena insieme da tutti i combattenti del MiTa e da tutto il team organizzativo.

è stato necessario aggiornare il sistema di navigazione per il mio Airone . Con l’aiuto della cassetta degli attrezzi svizzera di Peter (n. 135) e di Mario, la nostra “ Assistenza Meccanica ”, la custodia rigida del mio cellulare è stata trasformata in un kit di montaggio sul manubrio della mia Guzzi . Due fascette per cavi e quattro fori praticati da Mario nella custodia rigida dell’iPhone hanno servito allo scopo in modo meraviglioso: una batteria extra fissata con nastro adesivo al manubrio Guzzi ha successivamente provveduto all’alimentazione del mio nuovo sistema di navigazione. A volte le soluzioni semplici fanno un ottimo lavoro. L’app mobile di navigazione MiTa ufficiale è stata installata con il gentile aiuto di Veronica e della famiglia Sabatini – quindi dal secondo giorno in poi i miei problemi di navigazione si sono ridotti notevolmente. Come accennato prima: al MiTa tutti aiutano tutti! Alla partenza della seconda tappa fortunatamente erano tornati anche Peter (n. 106) dall’Australia e la sua adorabile Moto Guzzi 250 Airone . Tuttavia, la mia grande gioia per il suo ritorno è stata solo per un breve periodo perché durante la seconda tappa purtroppo ha avuto un brutto incidente motociclistico da qualche parte dietro me e Niels, quindi Peter alla fine ha dovuto arrendersi.

La fortuna e la sfortuna a volte sono molto vicine tra loro. Alcuni partecipanti nel mio ambiente hanno avuto problemi tecnici con le loro moto: ad esempio, la bellissima MV Agusta 175 CSS Disco Volante (n. 71) di Rüdiger ha avuto problemi di azionamento della frizione. Nel cuore della notte tra il secondo e il terzo giorno di gara, abbiamo provato a riparare la frizione, ma non ci siamo riusciti. Anche Marcel (n. 134) sulla sua grande Moto Guzzi Super Alce era stato costretto a fermarsi, perché il suo motore ad un certo punto si era rifiutato di funzionare. Ciò che rende Milano Taranto così speciale è che coloro che sono stati costretti al ritiro possono comunque proseguire lo svolgimento dell’evento, utilizzando i propri veicoli di scorta o quelli degli altri partecipanti. Dopo aver lasciato l’evento come piloti, Rüdiger e Marcel mi hanno aiutato moltissimo e hanno fornito consigli e assistenza in quasi ogni sosta intermedia, molto utile per me e la mia Guzzi, perché la tenuta del circuito dell’olio esterno ha causato qualche grattacapo. Inoltre, ho ricevuto un generoso aiuto dal team di supporto di László (No. 87) – Ducati TS 175cc – e Miklos (No. A14) – Honda VFR800 Vtec –. Il loro speciale veicolo di scorta, una fantastica BMW GS con cassetta degli attrezzi completamente attrezzata e meccanici competenti e qualificati provenienti dall’Ungheria. Grazie alla cooperazione reciproca, molti problemi che sembravano irrisolvibili hanno potuto essere risolti in modo pragmatico.

Due dei miei personali eroi MiTa2023 sono venuti dalla California: Al (n. 80) e Barry (n. 79), entrambi su MV Agusta , ci hanno mostrato come affrontare la questione in modo rilassato e con stile, guidando i reali motociclistici italiani con l’americano modo di vivere. Insieme ad Al ho avuto molti discorsi interessanti su argomenti di motociclismo, auto da corsa e bici e sulla vita in generale durante l’intero evento. All’inizio della gara di Milano, Al purtroppo è caduto durante la procedura di partenza mentre tentava di far partire il suo motore MV Agusta . La conseguenza fu un grave infortunio alla gamba. Ma Al non si è arreso ed è rimasto straordinariamente impassibile, fino al traguardo di Taranto. Impressionante anche: Enrico (n. 97), il nostro battistrada nella classe 250cc, ex campione motociclistico italiano e la sua Moto Guzzi pesantemente elaborata Airone . Questa bici da corsa aveva molta potenza e compressione: se uno aveva la fortuna di essere piazzato dietro di lui nella griglia di partenza, allora poteva asciugarsi i capelli anche 10 metri dietro di lui. Semplicemente fantastico!

Un altro momento clou dell’evento Mita è stato la guida della Moto Guzzi V7 special 750cc con sidecar di Silvana e Fulvio (n. A1). I due di solito andavano piuttosto veloci , per me era difficile seguirli. In un tratto del percorso il mio Airone è riuscito a tenere il ritmo e sicuramente non dimenticherò mai in vita mia questo meraviglioso giro insieme a questa adorabile moto bianca più outfit sidecar. Questo giro a tutto gas è stata un’esperienza straordinaria. Altrettanto impressionanti sono state le mie pedalate sulle montagne abruzzesi insieme a Niels, accompagnato da Maria (n. 111), sulla sua bellissima Aermacchi Ala Verde 250cc, e Arnold, sulla sua fantastica MV Agusta 250 Raid, entrambi anche loro tedeschi. Come gli alpinisti che raggiungono la vetta, le nostre bici si arrampicavano in salita come capre di montagna. Non meno impressionanti e belle sono state le nostre lunghe discese, durante le quali i nostri freni della ruota anteriore e posteriore sono stati utilizzati intensamente.

Poi all’improvviso, al nostro arrivo in un bar di montagna, si è verificato il primo problema tecnico con la mia Moto Guzzi . Niels è stato il primo ad accorgersi del mio problema: forte perdita di olio nel vano motore Guzzi . Motore, trasmissione, perfino la ruota posteriore e le mie scarpe erano già ampiamente oliate. Primo pensiero da parte mia: game over! Ancora una volta, il primo pensiero non è sempre giusto. Tieni a mente le indicazioni del mio assistente psicologico personale MiTa a Crema: Matthias, rilassati, mantieni la calma, prova a farlo all’italiana! Quindi, a motore spento, abbiamo prima ordinato un caffè, poi il tempo per l’ispezione, la risoluzione dei problemi e il trattamento del problema. In questo momento un altro eroe MiTa è salito sul palco: Nicola (n. 143), pilota della Moto Guzzi Falcone e dentro al bar per caso, si è guardato sorridente e competente alle mie spalle, con la chiave inglese della misura giusta già in mano. Uno o due movimenti forti della mano lungo il bordo della strada e il mio problema è stato risolto. Un dado del serbatoio dell’olio si era allentato a causa delle vibrazioni del motore. Nicola, a quanto pare, sapeva del problema e di come risolverlo. Come già accennato, i tedeschi possono imparare molto dagli italiani, soprattutto su come fare le cose con stile e con la sprezzatura. Cosa avrà pensato il proprietario del bar italiano nel vedere la mia fuoriuscita di petrolio davanti alla sua attività? Stendiamo un velo di silenzio su questa faccenda!

Inoltre durante il nostro viaggio Nicola ed io ci incontravamo regolarmente, perché dopo le soste intermedie lui, come n. 143, partiva di solito – essendo il n. 105 – dietro di me e la sua Moto Guzzi Falcone ha più potenza e coppia (500cc) rispetto alla mia Moto Guzzi Airone (250cc). Durante le sue continue manovre di sorpasso Nicola mi salutava sempre con la gamba destra. MiTa crea amicizie tra piloti Guzzi italiani pieni di carattere e talvolta un po’ sovraccarichi di Guzzi tedeschi !

A causa della potenza del motore piuttosto bassa del mio Airone e del mio stile di guida difensivo, le soste intermedie regolari erano solitamente piuttosto brevi. Tuttavia, mi è stato possibile raccogliere innumerevoli impressioni e immagini sulla cultura gastronomica italiana, sugli edifici storici e sulle attrazioni, e ovviamente sull’Italia in generale con il suo clima mite – a volte piuttosto caldo – e la speciale gioia di vivere dei suoi abitanti. Il nostro percorso da Milano a Maranello, passando per Pontedera , Assisi, Cassino e San Giovanni Rotondo ci ha portato, dopo una settimana di guida permanente, finalmente a Taranto. Più di 1750 km sono stati completati con successo, che magnifica esperienza è stata questo evento MiTa del 2023 per ogni partecipante, semplicemente fantastico!

Essendo anch’io un appassionato dell’Inghilterra, vorrei infine menzionare due personaggi britannici che parteciperanno al MiTa 2023: primo tra tutti , David (n. 31) e la sua Innocenti Lambretta LD150, insieme ai suoi sempre di buon umore Lambretta Club Members dal Regno Unito. Ho preso debita nota di quanto hanno detto: “Per favore non nominate noi Scooter Club – Lambretta è cultura, è vita, è tutto!” La seconda icona britannica: la straordinaria Norton Dominator 99 guidata da Rolf (No.131). Una cilindrata superiore a 600cc spinge semplicemente abbastanza bene, tra l’altro Rolf in compagnia del suo thumper britannico mi ha dato alcuni buoni consigli su come individuare le famose frecce rosse MiTa , anche quelle leggermente nascoste. Durante le nostre pedalate insieme probabilmente ha guidato la sua Norton in idlerrunning , ho dovuto dare il massimo.

Durante la mia ultima tappa verso Taranto, ho formulato un piano: se la Moto Guzzi del 1955 Airone Turismo prosegue fino al traguardo, poi vorrei ringraziare a nome dell’attuale team Moto Guzzi di Mandello del Lario ordinando una nuova Moto Guzzi V7 850 Stone del 2023. Bene, che dire: mi è stata consegnata la vecchia Guzzi , ora una nuova Guzzi completa il mio parco veicoli nel garage privato.

Arrivare al traguardo di Taranto è stata un’emozione indescrivibile, la mia vecchia Guzzi ha fatto un vero capolavoro. Ero davvero sopraffatto dall’emozione e totalmente felice, questo vale anche per la festa finale comune e la cena presso il nostro hotel a Taranto. Che bella esperienza è stata. Per ripetere e completare la citazione dall’inizio : „È meraviglioso, è meraviglioso… è incredibile! Ci piace e torneremo di sicuro!” Niente da aggiungere.Il trasporto di ritorno della mia bici a Milano è stato organizzato da MiTa Gilera Il pilota Saturno 500cc Claudio (n. 137) e la sua compagnia di trasporti, come per quasi tutti i partecipanti. Insieme a Peter dalla Svizzera sono tornato da Bari a Milano, poi di nuovo il viaggio finale da Milano a Stoccarda è avvenuto in auto e rimorchio: un viaggio straordinario era giunto al termine.

Controlla anche

LA NOSTRA MILANO TARANTO 2023

Di Angelo Lobifaro e Giuseppe Guglielmi Da due anni per me e Giuseppe Guglielmi è …