Home » Racconti » Memorial Giovanni Agosti 1938-2018

Memorial Giovanni Agosti 1938-2018

Giovanni era di Cremona. Aveva 26 anni quando, inseguendo i suoi sogni, perse con il destino la battaglia della vita a pochi passi da Melegnano.

Le cronache dell’epoca non mettono in risalto il suo nome. Era un corridore di terza categoria e trasmetteva nelle corse la sua competenza di meccanico.

Altre 11 persone rimasero ferite in modo più o meno grave: Amedeo Canevari di Giovanni, bracciante di Ponte Lambro, 16 anni; Dario Spinelli fu Giuseppe, lucidatore di mobili, 40 anni e Mario Diadante di G.Battista, elettricista di 33 anni, da Muggiò; i contadini Enrico Brera di Carlo, di Vistarino (PV), 27 anni e Giuseppe Fusari di Carlo, San Giuliano M.se, 24 anni; Pietro Cremonesi fu Carlo, Melegnano, 40 anni; Marino Forti di Anselmo, carpentiere di Rogoredo, 19 anni e il suo coetaneo Giulio Annicasco di Eliseo, operaio di Locate Triulzi; Pietro Gruppi, meccanico di San Giuliano M.se, 16 anni; Enrico Mariani di Luigi, tornitore di Rogoredo, 19 anni.

I soccorsi, come riporta la cronaca della stampa dell’epoca, furono coordinati dal maresciallo Covelli e il brigadiere Russo, carabinieri della stazione di Melegnano, già sul posto a garanzia del servizio d’ordine.

Giovanni era figlio di Umberto Agosti e Tersilia Calvi. La salma fu trasportata nella natìa Cremona dal padre, infermiere presso l’ospedale della città, e sepolto nel Cimitero Comunale ove tuttora riposa.

La storia di Giovanni è stata riportata alla nostra memoria da Luciano Passoni e Domenico Parrotta per il libro Melegnano Motori nel 2017 (Edizioni Gemini Grafica). 

In occasione dell’ 80esimo anniversario del suo sacrificio gli autori, in collaborazione con noi del Moto Club Veteran «San Martino», hanno indetto il Memorial Giovanni Agosti: prima della partenza della 32esima Milano-Taranto, l’8 luglio 2018, in memoria del concorrente morto a causa di un incidente durante la Mita del 1938, il nipote di Agosti consegnerà i riconoscimenti al pilota più giovane, a quello venuto da più lontano e al club più numeroso, ovviamente tra quelli partecipanti su Gilera, come al tempo fece Giovanni Agosti.

La targa è stata realizzata su bozzetto originale disegnato dall’artista lodigiano Alessandro Colonna.

Si ringrazia la famiglia Agosti per il prezioso contributo fotografico e Dermille Cibolini per la collaborazione

Si ringrazia il Moto Club Vizzolo per il contributo alla realizzazione delle targhe e delle stampe.

Per informazioni, testi e immagini scrivere a info@melegnanomotori.eu 

Pagina Facebook Melegnano Motori – Luciano Passoni 

 

Check Also

Giuseppe Rizzi “Peppìn Mustazzètt” il Nuvolari della Murge

“Lui era molto povero e non poteva permettersi dei meccanici che lo seguissero quindi era …