Home » Dicono di noi » Partecipanti » Roberto Cristiano Baggio

Roberto Cristiano Baggio

Carissimi Franco, Natalina, Lina e Claudia Sabatini

al termine della 21^ edizione della Milano Taranto sento il dovere di ringraziarVi sentitamente per l’accoglienza che mi avete riservato, l’ospitalità e l’attenzione con la quale avete seguito il mio lavoro.
Per me è stata un’esperienza singolare. In tanti anni di giornalismo mai m’era capitato di incontrare persone così squisite e disponibili. Aver fatto parte della “carovana” mi ha galvanizzato e conto di esserci anche l’anno prossimo, magari in sella ad una moto se nel frattempo imparerò a guidarla.
Grazie alla Milano-Taranto ho potuto conoscere ed apprezzare aspetti inconsueti del mio Paese, conoscere persone vere, apprezzare gli sforzi di tante persone volontariamente impegnate per la buona riuscita della manifestazione.
Mi mancheranno il clima cameratesco instauratosi col passare dei giorni e l’amicizia con stretta con tutto il gruppo. Sabato, al traguardo di Taranto, a stento ho celato l’emozione a mano a mano che i piloti passavano sotto lo striscione. Quando ho visto Romano Cornale alzare le mani al cielo mi sono commosso e sono riuscito solamente a dargli una pacca sulle spalle perchè non riuscivo più a parlare.
Armando Tuzi è stato straordinario e instancabile, così come è stato sempre pronto ad intervenire Nicola. Di Sergio Campana conservo un piacevole ricordo e mi par ancora di vederlo mentre abbassa il tricolore per dare il via ai piloti.
Ogni giorno ho potuto trasmettere un articolo al mio giornale e sarà mia cura farVi avere una rassegna stampa. Il mio direttore, tarantino d’origine, mi ha appena chiesto un ampio servizio conclusivo sulla manifestazione: due pagine corredate di foto e curiosità.
Sono a Vs. disposizione, se avete bisogno di articoli, comunicati e altro, con la stessa disponibilità che mi avete manifestato nei giorni scorsi.
Grazie ancora di tutto e arrivederci a presto.

Roberto Cristiano Baggio

Check Also

Ricordo della Milano-Taranto – Di Franco Presicci

Una volta, quando ero giovincello (appena diciotto anni), amavo anch’io frequentare quella splendida “promenade”, che …