Axel

Caro Direttore,

Io faccio il mio personale quest’anno di scrivere una lettera senza l’aiuto di Anna, quindi vi prego di perdonare gli probabilmente molti errori. Voglio ringraziare in questo modo per la MiTa 2012, è stato dopo la mia prima partecipazione nel 2008, la più bella.

Il motivo è semplice: Abbiamo avuto quest’anno un sacco di tappe molto lunghe, questo mi ha affascinato molto bene. Poiché la MiTa non sarebbe la stessa, se non una buona misura di sfida sportiva sarebbe una parte di esso.

So che sarà raccolto un sacco di critiche a causa delle lunghe tappe di questo anno . Soprattutto, naturalmente, dei numerosi partecipanti più vecchi, che si sentivano le sfide fisiche e mentali spesso non coltivati​​. Si prega di tenere presente per gli eventi futuri che sicuramente saranno tra un numero crescente di abbonati alla generazione più anziana, ma i giovani partecipanti, l’evento sarà mantenuto in vita. Si prega di evitare che la MiTa sarà uno di quei noiosi old-timer eventi che sono diventati comuni in questi giorni. La durezza e la crudeltà della Mita, soprattutto nel mezzogirono, formando il suo personaggio, senza la Mita sarà paragonabile e morirà.

Infine, vorrei ringraziare i tanti volontari che hanno prestato quest’anno per il corretto funzionamento. Ringrazio particolarmente la Moto-Stafeta, che quest’anno ha segnato il percorso perfettamente.

I migliori auguri e spero a presto (poi di nuovo con la Kreidler),

Axel

Check Also

Ricordo della Milano-Taranto – Di Franco Presicci

Una volta, quando ero giovincello (appena diciotto anni), amavo anch’io frequentare quella splendida “promenade”, che …