Home » Racconti » Antonio Ronchei

Antonio Ronchei

MITA_racconti_antonio_ronchei_mantovani_1953
Antonio Ronchei con a fianco Mantovani alla Mi-Ta del 1953
Antonio Ronchei alla Mi-Ta 2001: il meno giovane premiato dal più giovane

“Nel 1950 decido di iscrivermi alla Gran Fondo. Carico la moto sul treno e parto per Milano.
Quella notte in albergo non ho dormito per la tensione. Oltretutto non conoscevo il percorso e non ero allenato nelle lunghe distanze.
All’indomani però sulla linea di partenza avverto una sensazione di vaga eccitazione.
Devo precisare che la MV 125 sulla quale correvo, utilizzata fino ad allora in circuito, era sprovvista di impianto elettrico. Ne monto uno alla meglio, cosicché, poco prima di Piacenza, il faro si spegne, vado fuori strada e finisco sul seminato.
Ma non mi perdo d’animo: mi riporto sulla statale e raggiungo Bologna, sede del primo controllo, sulla scia di una motocarrozzetta.
Alle porte di Roma mi attende una sorpresa: sulla strada appena asfaltata ci sono residui di ghiaia… compio un volo pauroso, per fortuna senza conseguenze.
Dopo Napoli mi si rompe il cavo dell’accelleratore, che riparo in poco tempo.
Non mi arrendo alle avversità e, finalmente, arrivo a Taranto: 2° di categoria staccato di soli 5’ 30’’ dal primo, dopo 16h 37’ 50’’.”

Tratto da: Milano-Taranto di Sandro Luciani e Claudio Porrozzi edito Giorgio Nada Editore.

Check Also

Claudio Galliani

Ricordi della Milano – Taranto. A volte mi domando come sia nata la mia passione …

Lascia un commento