Home » Notizie » “Vespa e Lambretta… Amore mio” e “Le Nude di Ferdinando”

“Vespa e Lambretta… Amore mio” e “Le Nude di Ferdinando”

Un’altra simpatica iniziativa motoristica è scaturita dalla fantasia di alcuni amici della “storia a motore”, infatti dopo “Vespa e Lambretta… Amore mio” svoltasi a Cortona il l’11 settembre scorso ed inventata, se così si può dire, dall’Eugubino Gabriele Gaggioli, che questa volta assieme ai tenaci Claudio Trippetti, Stefano Montanelli e Donato Di Dio (tutti protagonisti alle Milano-Taranto storiche) si sono inventati “Le Nude di Ferninando”.

MITA_notizie_VespaeLambrettaAmoreMio_01
Vespa e Lambretta Amore Mio
MITA_notizie_VespaeLambrettaAmoreMio_02
Vespa e Lambretta Amore Mio

Va da se che per le “Nude” si tratta di Lambrette e Ferdinando sta per Innocenti.

La prima prova di questo simpatico raduno di “scarenate” è andato in scena sabato 8 e domenica 9 ottobre, il teatro era San Feliciano, il bellissimo paesino sul lago Trasimeno, da cui si è partiti il sabato e la domenica per compiere panoramici ed educativi percorsi toccando tanti paesini attorno al magnifico lago Perugino, non tralasciando di visitare cantine ed altro con vocazione verso la miglior enogastronomia locale.

MITA_notizie_leNudediFerdinando_03
Le Nude di Ferdinando

I Lambrettisti presenti erano una trentina e più… un successo come primo esperimento. Le “Nude” spaziavano dalle mitiche A e B, alle perfettissime C e D, e naturalmente non sono mancate delle simpatiche E ed F. Presente, ma in forma “statica” anche una B con cambio automatico esemplare unico della collezione Sacchi.

MITA_notizie_leNudediFerdinando_02
Le Nude di Ferdinando

Complimenti quindi a Gabriele, Claudio, Stefano e Donato ed ai 30 e più possessori di queste bellissime, restaurate e/o conservate, Lambrette che hanno contribuito al successo di questo interessante raduno un po’ fuori dagli schemi.

L’augurio e la speranza sono di rivedere delle bellissime “Nude” anche l’anno prossimo.

Check Also

Il quadro che Matitaccia ci ha dedicato quest’anno

Come ogni anno, il nostro grande amico Giorgio “Matitaccia” Serra ci ha regalato un’opera d’arte …